13876649_10153784608452864_3441440155114571722_n

Lunedì, 1. Agosto 2016 – 17:26
Scritto da: Giovanni Passalacqua
In uncrescendo tecnico ed espressivo, si è esibito ieri sera l’ensemble di Gonzalo Rubalcaba, Horacio “El Negro” Hernandez e Armando Gola, jazzisti di fama internazionale.
“A noi piace guardare avanti, fare musica nuova; ma l’ispirazione viene dal passato, dai suoni delle nostre radici latine”. È Gonzalo Rubalcaba a sintetizzare, in poche parole, l’anima del Volcan Trio, esibitosi ieri sera sul palco del CastrorealeMilazzo Jazz Festival, nella suggestiva cornice del Castello mamertino. Insieme a Rubalcaba, pianista di fama internazionale, fanno parte del progetto il batterista Horacio “El Negro” Hernandez e il bassista Armando Gola.

Tutto esaurito per uno degli eventi più attesi del Festival organizzato dalla ProLoco Artemisia, che quest’anno ha potuto contare sul supporto dell’assessore milazzese Salvo Presti per dare ulteriore slancio a una manifestazione ormai consolidata. Una scelta premiata dallo stesso Rubalcaba, che sul palco non ha nascosto il suo entusiasmo per la cornice d’eccezione: “Dovrei rivolgermi a voi mentre suono, ma non riesco a staccare gli occhi dalla bellezza del promontorio e della costa siciliana” – ha scherzato l’artista, proveniente anche lui da un’isola: Cuba.

L’nsemble ha definito il suo genere latinoamerican jazz; e le sfumature latine pervadono i virtuosismi di Rubalcaba, i ritmi ora appena accennati, ora incalzanti di Hernandez. Eccezionale la padronanza tecnica dei musicisti, capaci di eseguire con perizia da studio tanto i grandi classici quanto le sperimentazioni più elettroniche. La chiave resta però l’equilibrio tra generi, suoni, ritmi così distanti tra loro, eppure armonici nella sintesi del Volcan Trio; una sintesi a tratti sperimentale, di non facile ascolto, ma di altissimo livello tecnico ed espressivo.