Kermesse tra le più attese nel panorama culturale estivo mitteleuropeo, il Bolzano Festival Bozen 2016 si è aperto il 28 luglio con un concerto dell’Orchestra Haydn. Proseguirà fino al 3 settembre, con un calendario quotidiano di eventi dedicati: alle orchestre – Accademia Gustav Mahler, Gustav Mahler Jugend Orchester e European Union Youth Orchestra – all’”Antiqua” e al pianoforte. Bolzano si sa, è città storicamente legata al Busoni, concorso pianistico internazionale (a giorni inizieranno le preselezioni della sessantunesima edizione). Ed è pensando al pianismo contemporaneo – con uno sguardo al jazz! – che è nata la “rassegna nella rassegna”: il Festival Pianistico Ferruccio Busoni. Siamo stati a Bolzano giovedì 4 agosto per la prima serata: Just piano, improvvisazioni in piano solo di Gonzalo Rubalcaba.Pianista classico per formazione, jazzista per scelta, Rubalcaba è un virtuoso della tastiera. La sua padronanza tecnica è strabiliante, il tocco elegante. Mettendosi in gioco liberamente, senza l’interplay del trio (come in molti suoi progetti), le sue performance in solitario sono di altissimo livello e tensione sonora. Impegnative. Solo ascoltandole con molta attenzione si può realmente comprendere l’originalità dell’idea musicale. Idee che Rubalcaba prende dalla classica, dalle radici della sua America cubana e dal jazz per rielaborarle in un linguaggio personalissimo, nuovo (“Son XXI” è tutto questo e musica del nostro tempo), dove il virtuosismo classico o free è terreno sonoro su cui improvvisare – “Giant Steps” di Coltrane, “First Song” di Charlie Haden… – o giocare con ritmi e melodie cubane come in “El Cadete Constitucional”, “El Manisero”… Due ore di intensa emozione e la musica di Rubalcaba conquista il pubblico. Benvenuto jazz al Bolzano Festival Bozen! Herzlich willkommen!

Maddalena Schito

EasyFreeAds Blog News Facebook Twitter Myspace Friendfeed Technorati del.icio.us Digg Google Yahoo Buzz StumbleUpon