Forget politics: Cuban pianist Rubalcaba is Brilliant – By Howard Reich – Chicago Tribune Oct 9. 2005

The control (Rubalcaba) had over the instrument allowed him to do things that seem nearly impossible, rhythmically.’

– Danilo Perez, pianist

‘Paseo’ sums up much of his work

Sixteen years ago,  when  the phenomenal young Cuban pianist tried to perform in the United States, the State Department set off a small media firestorm denying him a visa on the eve of a scheduled concert in New York.  Since then, Rubalcaha has become one of the world’s greatest jazz pianists and – – during a thaw in U.S.-Cuban relations in the 1990s- moved to the US .But, lately, history has been repeating itself, with Cuban, musicians finding it nearly impossible to obtain visas to perform in the States. leaving Rubalcaba dismayeed at the seemingly endless political battle between a superpower and an island nation, and its toll on both cultures. “It’s really sad and very horrible,” says Rubalcaba, who plays Chicago’s Auditorium theatre Saturday, speaking from his home outside Miami.

Cuba, U.S. at odds…

“Sometimes you can see the Cuban determination to do something positive, and then  the American response is a disaster. Then you see an American administration with a good position to help the situation, and then Cuba comes back with something wrong. It’s like a never ending struggle.  Perhaps no jazz musician has been more visibly positioned at the center of the contest than Rubalcaba, who– by dint of his outsize talent, has inspired intense reactions from both sides of the American-Cuban divide. When he played his belated U.S. debut, at Lincoln Center’s Alice Tully Hall in 1993, he attracted a capacity audience and extravagant critical praise. When he played Miami, three years later, more than 200 protestors demonstrated , some spitting on concertgoers, objeing to what they claimed was the pianist’s close relationship with fidal Castro’s government (Rubalcaba had neither neither condemned Cuban authorities nor renounced his Cuban citizenship). Worse, Rubalcaba faced harsh criticism from prominent Cuban musicians who had defected. “He is letting them(the Cuban Government) use him, the Gonzalo Rubalcaba & New Cuban Quartet (Blue Note).  For a  while some observers have been bickering over Rubalcaba’s delicate position on the tightrope of American-Cuban politics, he gradually has transformed himself as an artist, as “Paseo” shows. Listen to the powerhouse pianist who erupts on “Live in Havana” (recorded in 1986 but recently reissued in more complete form on Pimienta Records), and it’s clear that a keyboard giant was emerging. “The control he had over the instrument allowed him to do things that seem nearly impossible, rhythmically,” says Dani- 10 Perez, the fonnidable Panamanian pianist. “He was also able to bring out a lot of the subtleties of Cuban music into his jazz playing in a very original way,” But if Rubalcaba once sounded as if he possessed four hands, his playing has become considerably more refined on “Paseo,” the pianist effectively distilling his work to say more, with fewer notes. Listen to the sleek pianism and exquisite instrumental dialogues between Rubalcaba and his sidemen throughout “Paseo,” and it’s clear how far he has come. “When I started out, people were hearing a very young guy with a lot of stuff to say, with a lot of fantasies, with a lot of dreams, but not with enough experience” Rubaicaba says. “What you need is time, to make the discrimination of how to say things. I cannot exactly say that I play less now, but I can say that I am more conscious what I am playing, and that probably will make the results different. ” Moreover, with “Paseo” Rubalcaba in effect sums up a great deal of his musical experience, from the distinctly Cuban folkloric elements of the opening track, “El Guerrillero,” to the classically tinged elements of “Preludio En Conga #1”: from the high lyricism of the aptly titled “Sea Change” to the rhythmically volatile, utterly contemporary jazz feel of”Meanwhile.·’ Rubalcaba considers this music a sign of his maturation – a measure of what he has been through politically, of his role as husband and parent, of his natural evolution as an artist. Yet it’s also a kind of summation of an already remarkable life in music. Born 42 years in the Cayo Hueso neighborhood of Havana into a distinguished musical family, he was blessed to have as a grandfather Jacobo Rubalcaba. who wrote some of the most admired danzones of Cuban ballroom culture, while his father, Guillermo, played piano in the orchestra of the innovator Enrique Jorrin. In effect, Rubalcaba practically breathed music since his infancy, eventually studying classical repertoire in Havana’s famed Amadeo Roldan Conservatory and spending his off-hours marveling at the piano wizardry of the American jazz pianist Art Tatum and other bebop pioneers, such as Charlie Parker and Dizzy Gillespie. By age 20, Rubalcaba was touring the world with the celebrated Cuban band Orquestra Aragon. After Gillespie first encountered him, in Havana in 1985, he anointed Rubalcaba “the greatest pianist I’ve heard in the last 10 years” and began agitating for Rubalcaba engagements in the U.S. A year later, the revered American bassist-bandleader Charlie Haden also laid ears on Rubalcaba for the fIrst time, during a Havana jazz festival. “I fell on the floor and asked, ‘Who is that guy. his solo was so unbelievable,” Haden once recalled “He was 23 at the time, I, but it was like hearing a combination of Art Tatum, Herbie Hancock and Bill Evans.” Still; the pianist repeatedly was turned down by the State Department when attempting to play for an American public increasingly eager to hear him. But music of this caliber never could be kept out of the U.S. by mere politics, Rubalcaba’s recordings surfacing here through licensing agreements with European countries that finessed the American embargo on Cuba. So by the time Rubalcaba made the aforementioned U.S. debut at Lincoln Center, American listeners were poised to expect greatness and were not disappointed Since then, Rubalcaba has played with far-flung players such as the genre-crossing Haden, the adventurous tenor saxophonist Joe Lovano, the Brazilian melodist Ivan Lins and a variety of classical ensembles. That breadth of experience radiates throughout “Paseo,” no two tracks conforming to any particular style or genre. As for Rubalcaba’S political status these days, he puts it this way: “If you want to know about my immigration, I have an American passport,” he says.  “If you want to know about my soul, I’m Cuban.”

What the critics are saying about Gonzalo Rubalcaba…

What the critics are saying about Gonzalo Rubalcaba

” … the greatest pianist I’ve heard in the last 10 years.”

-Dizzy Guillespie’s remarks ( 1985).

“I fell on the floor and asked, ‘Who is that guy, his solo was so unbelievable…He was 23 at the time, I, but it was like hearing a combination of Art Tatum, Herbie Hancock and Bill Evans.”

Charlie Haden

” … this is the best new voice to come along in jazz in almost a decade”.

-Jack Fuller, Chicago Tribune

” … Rubalcaba is a world-class jazz pianist with an impressive intensity and

command of his instrument.”

-Don Heckman, Los Angeles Times

” ….. This young man approaches jazz improvisation with an intriguing blend of

appealing abandon and profound beauty.”

-Chris Albertson, Stereo Review

… Rubalcaba displays both a keen sense of history and a renegade’s sense of

exploration. Where yesterday collides with tomorrow, that’s where you’ll find

Rubalcaba. At least for now- who knows where he’ll be off to next.”

-Jon Regen, Keyboard Magazine.

” … But it is nevertheless necessary to report that Rubalcaba stands in the company

of the great pianists active today in any genre of music-making.

-Richard Dyer, Globe Staff

” … This was certainly one of the top programs ofthe season, whether classical or

jazz, and possibly THE program; an exceptional performer, an exceptional creative

artist at the very top of this game. An unforgettable moment, one that if captured on

CD, you would play over and over, to absorb every nuance.

– Tom Moore, Classical Voice of North Carolina.

” … The Cuban-born pianist Gonzalo Rubalcaba, who over the last 15 years or so has

become one of the greatest musicians in jazz, is meticulous about music. You can tell

this by the first unaccompanied notes of “Avatar”, his complexly beautiful new

album. He has an almost eerie control over his sound, as if he were playing the

string directly instead of using the keys as intermediaries. He is also meticulous

about ideas …. “

– Ben Ratliff, The New York Time

” ….. This isn’t Latin Jazz per se, or even Mr. Rubalcaba’s original version of it; it’s

more recognizably modern mainstream New York jazz.”

-Ben Ratliff, The New York Time.

” …. “Solo” is a remarkable achievement, at once meditative and muscular, and a

strong early contender for the 2006 TOP 10 list.”

-Josef Woodard, Jazziz Magazine.

” …. “Solo”, as his ninth recording for Blue Note, Rubalcaba solidifies his position as

one of the finest pianists of his, or any generation.”

-Paula Edelstein, All About Jazz Magazine.

” … He was also able to bring out a lot of the subtleties of Cuban music into his jazz

playing in a very original way.”

-Howard Reich, Chicago Tribune.

” … Listen to the sleek pianism and exquisite instrumental dialogues between

Rubalcaba and his sidemen throughout “Paseo” and it’s clear how far he has come.”

-Howard Reich, Chicago Tribune.


” … Fire and energy reunite in an explosion that expands light and silences sound_ for

an instant. Melodic glimmers emanate from this nebula with just one Star: Gonzalo

Rubalcaba.”

-Suan Pineda, Columbia

” … His sparkle doesn’t hide behind the incandescence of these classic stars, however,

but proceeds from a unique source with its own light resulting in a synergy

between the genius of the past and the present.”

-Suan Pineda, Columbia.

” … You can take pianist Gonzalo Ru balcaba out of his native land – and that in itself is

news but you can’t take Cuba out of Gonzalo. The Personal and political passions so

long associated with the island, its pride and isolation in a vast and roiling sea, come

to live in his music.”

-Howard Mandel, Jazziz Magazine.

” .. .It’s not just his speed, it’s his touch …. lt’s not just his touch, it’s his ideas.”

-Marty Hughley, Aregonian, Portland.

” … This reason, which Rubalcaba has managed to balance with a precise dexterity,

dwell in the symbiosis between the know-ledge of yesterday and the exploration of

tomorrow.To revolve around the richness of Cuban and Latin American rhythms,

and return to a classical axis, forms Rubalcaba’s universal style.”

-Suan Pineda, Columbia.

” … And that’s because it isa minimalist musical expression- give that the essence of

minimalism is not the scarcity of details and decorations, but the abundance of

space. Rubalcaba provides this space, enough to ponder and to set afloat in the

periphery of our consciousness.”

– Suan Pineda, Columbia

Gonzalo Rubalcaba Quinteto – Hip Side (fragm.)

Gonzalo Rubalcaba “RAPSODIA CUBANA”

JAZZiT Magazine Jan/Feb 2005 Intervista a Gonzalo Rubalcaba

Intervista a Gonzalo Rubalcaba di Vincenzo Martorella – Foto di Stefano Sapora

Atre anni da “Supernova”, esce l’atteso nuovo lavoro del prodigioso pianista cubano. Un disco complesso etrascinante, denso earticolato. Un’opera totale, ma anche un omaggio ai ritmi della sua terra. Lo abbiamo intervistato.

?) Supernova è uscito nel 2001. Dopo tre anni pubblichi un nuovo disco, ·Paseo·. Cosa hai fatto In questi tre anni?

!) Ho lavorato’ e l’ho fatto in diversi contesti. Ho suonatu con Joao Bosco. con il quale ho avuto concerti in Europa, Brasile, America e Canada. Allo stesso tempo ho suonato spesso in piano. Poi ho aiutato Charlie Haden nella realizzazione di ‘Land Of The Sun’. Ho suonato con lui in giro per il mondo. E devo ammettere che sentivo la necessità di realizzare un nuovo album. Sono convinto che si debba incidere un nuovo disco solamente quando i musicisti con cui suoni sono entrati in confidenza con il nuovo immaginario musicale. Quindi, è molto importante andare in tour, suonare il più possibile e crescere musicalmente concerto dopo conceroto. “Supernova” è stato un album fortunato, che abbiamo avuto l’opportunità di presentare in giro per il mondo. Allo stesso tempo, il precedente album con Haden richiedeva che io suonassi in giro per il mondo con il suo gruppo, così mi è capitato di essere in tour con band diverse contemporaneamente: in trio, con Haden e in piano solo. Poi, finalmente, ho trovato il momento giusto per incidere il nuovo disco. E devo riconoscereche mi sono sentito un po’ sotto pressione perché erano passati tre anni dall’ultimo cd e tuttele etichette discografiche, in linea di massima, pretendono un disco ogni anno. Ma vedendo la cosa da una prospettiva diversa posso dire che questo èstato un fatto positivo perché aver trascorso questo tempo lavorando, confrontandosi con musicisti diversi ti dà l’opportunità di crescere, come strumentista e come compositore: diventi più maturo, più consapevole, e dunque più preparato per il passo successivo. Questo è il motivo fondamentale per cui c’è voluto tutto questo tempo.

?) Piano elettrico, sintetizzatori, basso elettrico. ·Paseo· segna una svolta elettrica nella tua musica?

!) Direi di no. In realtà, ho usato questi strumenti anche in passato, seppure occasionalmente. Molti musicisti hanno un’idea confusa su come utilizzare l’elettronica. Èvero: ogni volta che si usano le tastiere si corre il rischio di perdere in parte la personalità del suono, delle radici, delle tradizioni, ma tutto dipende da come lo si fa, da come la tecnologia viene applicata alla musica. Usare i sintetizzatori vuoi dire porsi la domanda su dove ecome usarli. Non posso dire che tutto quello che facciamo noi sia corretto: perlomeno, cerchiamo di proporre ~n metodo di utilizzo delle tecnologie, e un metodo per combinarle con le sezioni acustiche (il piano, il sax, la batteria). Siamo alla ricerca di un equilibrio, equesta è, probabilmente, la parte più difficile, cioè trovare il giusto equilibrio senza mai perdere di vista il risultato musicale. Ma io credo molto nella possibilità di trovare nuove sonorità, nuovi modi di espressione, nuovi mezzi per vedere la mia musica. Adesso dobbiamo decidere come portare in tour questo album. ecapire se quella musica possa essere la stessa anche

senza i sintetizzatori o se, invece, in questo modo possa perdere forza ed energia. Fortunatamente nella musica ci sono molti elementi che vanno al di là del suono: la forma, l’idioma di un pezzo, il modo personale di espressione di ciascun musicista. Quindi, la musica può essere suonata con qualunque tipo di strumento, con una big band, un trio, con i synth, senza i synth. Bisogna anche rapportarsi al pubblico più giovane che ha molta familiarità con i sintetizzatori, enon solo per far vedere che anche noi li usiamo, ma per mostrare loro come li usiamo, con quale personalità.

?) I  musicisti che suonano con te sono formidabili. Ma se Ignacio Berroa è una vecchia conoscenza, dove hai pescato Armando Gola?

i) Èun musicista cubano, così come cubani sono tutti i musicisti, compreso me. Ignacio vive negli Usa da 24 anni. Armando viveva in Colombia, prima di trasferirsi anche lui negli States, dove ha vissuto tra Miami e New York. È buffo perché ricevetti un cd con alcuni suoi demo, quando ancora non lo conoscevo. Chiesi un appuntamento per incontrarlo personalmente e lui mi disse che aveva visto alcuni miei concerti a Cuba ein Colombia (dove, negli anni ’90, suonavo almeno una volta all’anno). Rimasi impressionato dal suo modo di suonare, e iniziammo a provare insieme. Felipe, invece, ha vissuto in Brasile per quattro o cinque anni; lì ha esplorato tutti i percorsi della musica brasiliana, poi si è spostato negli Usa, dove ha suonato per qualche tempo nella band di Arturo Sandoval. Con loro ho, finalmente, per la prima volta, avuto la fortuna di avere musicisti nella stessa città, New York. Quando, ad esempio, mi trasferii nella Repubblica Dominicana, il resto della band viveva aCuba. Qualche anno dopo, il batterista Julio Barreto si trasferii in Svizzera. Anche quando andai negli Usa èstato difficile trovarsi nella stessa città con gli altri musicisti. Adesso ho una band con cui posso spendere tutto il tempo che voglio aprovare eregistrare. Credo molto nell’importanza del gruppo, nel conoscersi, nel confrontarsi. Nel condividere le proprie idee. E riuscire a fare questo, quando si vive in città distanti, e non si ha mai la possibilità di vedersi e suonare insieme, diventa difficile.

?) Da un punto di vista ritmico, questo è forse il tuo album più complesso. L’articolazione ritmica, per te, riveste un valore particolare?

!) Dico sempre che ritmo, armonia, articolazio-· ne delle forme, struttura dovrebbero essere il tuo modo di pensare come musicista, e come essere umano. Non dobbiamo cercare di fare di più di quello che possiamo, ma dobbiamo fare musica nel modo in cui sappiamo farlo. E il risultato èla musica di questo disco. Dal punto di vista ritmico Cuba èun paese molto ricco, e c’è molto più ritmo di quanto non si sappia. È un paese con musiche molto diverse, alcune delle quali non sono affatto conosci ute. Quando ero piccolo ho avuto la possibilità di entrare in contatto con queste espressioni: folklore, musiche religiose eda ballo. Equesto per varie ragioni: innanzitutto perché vengo da una famiglia di musicisti, equesta èstata una palestra per me fondamentale; secondo, perché ho studiato musica classica; terzo, perché fin da giovanissimo sono entrato in contatto col mondo del jazz. Quindi, la mia musica èuna combinazione di molti elementi diversi. Direi quasi uno spazio in cui mettere tutte queste influenze che ci sono nella mia testa, in una maniera organica. Può essere difficile quando leggi le partiture la prima volta. Ma, in fondo, tutto quello che facciamo èstudiare le nostre tradizioni, basarci sulle informazioni che abbiamo, e riorganizzare il tutto in spazi diversi, accordi diversi, sonorità diverse, forme diverse. Una sorta di espansione, di estensione del mondo al quale apparteniamo. Larticolazione ritmica, allora, rappresenta esattamente una nostra peculiare caratteristica, come il modo di parlare odi camminare. Ciò che mi interessa è la fluidità, il flusso ritmico, ela nostra abilità nel conversare, suonando, condividendo questi flussi ritmici.

?) Aproposito di ritmi, come mai, in ·Paseo·, hai suonato le percussioni?

i) Sono stato costretto afarlo! Ame piace suonare le percussioni, ma questa volta sono stato davvero costretto afarlo. Avevo in mente di chiamare Giovanni Hidalgo, ma per motivi extra-musicali,non siamo riusciti aincontrarci per provare il materiale. Alla fine avevamo pochissimo tempo adisposizione per completare l’album e alloraomi sono preso la responsabilità di suonare le percussioni.

?) La tua tecnica strumentale è trascendentale. Eppure, uno dei momenti più belli del disco è il tuo accompagnamento al solo di soprano in El Guerrillero. Con pochissime note, emeravigliosi spostamenti di accento, riesci, almeno cosi mi pare, a trasmettere l’essenza stessa del ritmo cubano…

!) Non èniente di predeterminato, niente di prestabilito. Credo che lo stesso brano possa assumere un significato diverso ogni sera. Magari suoniamo ogni volta la stessa musica, ma le emozioni che quella musica ti ha fatto provare ieri non sono le stesse che provi oggi perché sei tu a reagire diversamente. Ho sempre pensato che i concerti non debbano essere visti semplicemente come musicisti che suonano i loro strumenti: i concerti sono molto di più. Un concerto è: i musicisti, gli strumenti, l’ambiente, il pubblico, l’acustica; tutto questo insieme di elementi condiziona il comportamento dei musicisti, la loro attitudine mentale in quel contesto. Per me, l’abilità di un buon musicista sta nel mettere insieme diverse capacità espressive, nell’avere i mezzi per suonare ciò che èappropriato in ogni momento. È questo il motivo per cui, per me, ècosì importante essere preparato tecn icamente: questo è l’unico modo di essere libero. Libero di fare tutto quello che vuoi, compreso quelle poche note alle quali ti riferivi con un buon sound euna buona intenzione, ofraseggiare in modo aggressivo, o in qualunque altro modo. Devi esercitarti molto, e ad alti livelli, se vuoi essere in grado di portare la musica dove vuoi tu. Ma non c’è nessun piano, nulla di prestabilito, non faccio questo per confondere l’ascoltatore, come qualcuno potrebbe pensare.

?) Quando ascolto la tua musica non posso  fare a meno di  pensare a Manuel Saumell, Ignacio Cervantes, Ernesto Lecuona, all’americano Louis Moreau Gottschalk, e ai compositori cubani contemporanei (Roldàn, Caturla)…

!) E, infatti, sono molto legato alla loro musica. Mi sono avvicinato aloro fin da bambino, perché ascuola ti fanno studiare le loro composizioni. Oggi, poi, mi sento ancora più vicino a questi musicisti, così come a Roldàn, Caturla, Leo Brouwer, veri e propri punti di riferimento. Purtroppo, non tutti comprendono l’importanza che questi grandi compositori hanno avuto nel ventesimo secolo, soprattutto negli anni Venti eTrenta, e io cerco di studiare e comprendere il loro punto di vista. Perché erano musicisti attentissimi atutto quello che succedeva nel mondo intorno a loro, in termini di tendenze e influenze musicali, ma, nello stesso tempo, non persero mai le loro radici, e lavorarono sempre nel più puro spirito delle radici cubane. Fecero molte esperienze all’estero, ma la loro estetica fu quella di creare uno spazio sonoro nel quale far convergere la tradizione cubana eciò che succedeva al di fuori di esse. Questa èuna filosofia musicale, ed èla filosofia nella quale credo. Anch’io cerco di fare la stessa cosa. Avolte ricevo delle critiche, negli Usa, proprio perché la gente non riesce a comprendere cosa c’è dietro la mia musica. Per un trentennio, dal ’62 in poi, tra Usa e Cuba non c’è stata alcuna comunicazione. Ora, invece, molti americani, e anche molti europei, stanno scoprendo la tradizione musicale cubana. grazie anche a un fenomeno come il Buena Vista Social Club, e mi fa piacere perché è un bene che i musicisti di quella generazione abbiano la possibilità di andare in giro per il mondo a suonare quella musica, così importante per Cuba. Le cose stanno cambiando, ma il mio compito, come musicista, resta quello di continuare, a livello filosofico, la strada indicata dai grandi maestri. Come dire, to bring the music at the right moment. ..

JAZZIT

Gonzalo Rubalcaba Trio / Autumn Leaves (1991)

IMAGINE – GONZALO RUBALCABA

Mariza Meets Gonzalo Rubalcaba

Madalena – Ivan Lins, Gonzalo Rubalcaba e João Bosco

Água de Beber / Tom Jobim – Free Jazz

Return top